Pasqua 2020 – Veglia Pasquale

11 aprile: la veglia delle veglie

ore 19.00 (prima di cena) del Sabato Santo

Ricordiamoci tutto ciò che ci serve e abbiamo preparato,
da mettere vicino al luogo della preghiera:
il cero (che può essere quello del Battesimo)
la veste bianca e le foto del Battesimo,
i campanelli e una ciotola di acqua

Durante la celebrazione possiamo anche scegliere
di lasciare aperta la porta di casa:
diventa un segno del sepolcro spalancato.

 

Prima parte: il canto della luce e il ricordo delle meraviglie di Dio.

Guida        Cominciamo la nostra celebrazione.
                 Questo è il giorno che ha fatto il Signore: esultiamo e rallegriamoci in esso.

Spegniamo tutte le luci, anche le spie della TV e dei computer:
proviamo per qualche secondo la tristezza del buio.

Guida         Gesù, tu sei luce perenne:
                  donaci di camminare sulla strada della vita come figli della luce.

Tutti           Nel nome del Padre, del Figlio, dello Spirito Santo. Amen

accendiamo il cero (il cero del Battesimo, se è quello)
e preghiamo con un tono di voce solenne
accendendo solo qualche lucina che permetta di leggere

Lettore 1    Esultino i cori degli angeli, esulti l’assemblea celeste
                   per la vittoria del più grande dei re,

Tutti            Le trombe squillino e annuncino la salvezza.

Lettore 2    Si ridesti di gioia la terra inondata da nuova luce;
                   le tenebre sono scomparse,
                   messe in fuga dall’eterno Signore della luce.

Tutti            Gioisca la Chiesa, madre nostra,
                    irradiata di vivo splendore,
                    e questa casa risuoni
                    per le acclamazioni del popolo in festa.

ci sediamo

se questa sera fossimo in chiesa,
a questo punto ci sarebbero tante letture
che richiamano i grandi momenti della storia della salvezza;
invece in casa prende la parola il più piccolo,
come questa notte nelle case di Israele

Il più piccolo  Perché questa sera ci siamo raccolti?

Guida              In questa notte ricordiamo la nostra storia.
                       La storia del grande amore di Dio per tutti gli uomini.

se abbiamo preparate le immagini le possiamo portare

 

Lettore 1 La creazione, per esempio:
               quando Dio volle costruire
               un giardino bellissimo
               per mettere l’uomo e la donna
               a vivere nell’amore.

Tutti       Se guardo il tuo cielo,
               opera delle tue dita,
               la luna e le stelle che tu hai fissate,
               che cosa è l’uomo perché te ne ricordi,
               il figlio dell’uomo perché te ne curi?

Genitori  Eppure l’hai fatto poco meno degli angeli,
               di gloria e di onore lo hai coronato:
               gli hai dato potere sulle opere delle tue mani,
               tutto hai posto sotto i suoi piedi

Tutti:     O Signore, nostro Dio,
              quanto è grande il tuo Nome
              su tutta la terra!

 

Guida         E poi la bellezza dell’alleanza,
                  dell’amicizia che il Signore volle
                  con Abramo e con il suo popolo.

Tutti           Signore concedi a noi
                   come ad Abramo
                   di sapere accogliere la grazia
                   della tua chiamata

 

 

Marc Chagall, La danza di Myriam

Guida         Più tardi, con l’opera del grande Mosè,
                  la liberazione dell’Egitto
                  quando questo popolo viveva da schiavo.

Ragazzo     La gioia di questa liberazione
                  possa diventare anche nostra
                  in questi giorni di mancanza
                  per i nostri amici.

Lettore 2   Voglio cantare al Signore,
                  perché ha mirabilmente trionfato:
                  ha gettato nel mare cavallo e cavaliere.

Tutti          Mia forza e mio canto è il Signore:
                  egli è stato la mia salvezza!

Lettore 2   È il mio Dio: lo voglio lodare;
                  il Dio di mio padre: lo voglio esaltare.

Tutti          Cantate al Signore,
                  perché ha mirabilmente trionfato:
                  cavallo e cavaliere ha gettato nel mare!

Guida        Ma il gesto più grande del suo amore è la nostra Pasqua:
                 Gesù che muore e risorge per noi.
                 E noi la celebriamo questa sera.

Tutti          Entriamo in questa festa.

Genitori    Purifichiamo il nostro cuore, pronti a cantare l’inno della risurrezione.

un momento di silenzio intenso
dove diciamo a Gesù il nostro grazie per il suo amore
e gli chiediamo di rivestirci della sua misericordia

poi ciascuno, facendo attenzione per non far rumore,
prende in mano il suo campanello pronto a suonarlo.

ci alziamo in piedi.

 

Seconda parte: l’annuncio e il canto della Risurrezione

la mamma prende in mano e apre il Vangelo,
lo mette all’angolo sinistro del tavolo e proclama.

Mamma      Cristo Signore è risorto!

Tutti            Rendiamo grazie a Dio!

Piccolo e veloce trillo di campanelli;
Poi un figlio prende il vangelo e lo sposta al centro del tavolo,
il papà si avvicina e proclama

 

Papà           Cristo Signore è risorto!

Tutti            Rendiamo grazie a Dio!

Un secondo suono di campanelli, e di altri strumenti che ci sono in casa;
un figlio/a sposta allora il Vangelo alla destra del tavolo;
tutti ci avviciniamo e proclamiamo

 

Tutti            Cristo Signore è risorto!
                    Rendiamo grazie a Dio

suoniamo a lungo i campanelli e tutti gli strumenti che abbiamo in casa;
i più piccoli possono uscire sul balcone o nell’atrio delle scale,
e suonare il loro strumento,
segno della gioia della Pasqua che abita la nostra casa.

Guida          Preghiamo.
                   Dio onnipotente ed eterno, che sei mirabile in tutte le opere del tuo
                   amore, illumina il nostro cuore perché comprendiamo che, se fu grande
                   prodigio della creazione del mondo, prodigio ancora più grande è il
                   compimento della nostra salvezza nella Pasqua di Gesù di Cristo, tuo
                   Figlio, nostro Signore e nostro Dio, che vive e regna con te, o Padre,
                   nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

Tutti           Amen.

campanelli alla mano rinnoviamo la gioia e cantiamo dopo 40 giorni l’«Alleluia!»;
poi ascoltiamo questa musica, e se riusciamo cantiamo insieme

 

Alleluia! Cristo Signore è risorto! Alleluia! Alleluia

 

Lettore 1    Lettura del Vangelo secondo Matteo                                      (28,1-7)

                  In quel tempo, dopo il sabato, all’alba del primo giorno della settimana,
                  Maria di Magdala e l’altra Maria andarono a visitare la tomba.
                  Ed ecco, vi fu un gran terremoto.
                  Un angelo del Signore, infatti, sceso dal cielo,
                  si avvicinò, rotolò la pietra e si pose a sedere su di essa.
                  Il suo aspetto era come folgore e suo vestito bianco come neve.
                  Per lo spavento che ebbero di lui,
                  le guardie furono scosse e rimasero come morte.
                  L’angelo disse alle donne:

Lettore 2   Voi non abbiate paura!
                  So che cercate Gesù, il crocifisso. Non è qui.
                  È risorto, infatti, come aveva detto;
                  venite, guardate il luogo dove era stato deposto.
                  Presto, andate a dire ai suoi discepoli:
                  «È risorto dai morti, ed ecco, vi precede in Galilea; là lo vedrete».
                  Ecco, io ve l’ho detto».
                  Parola del Signore.

ci fermiamo un attimo in silenzio:
ciascuno scrive su un foglietto una parola o una frase
per fissare nel cuore questa serata;
se si sente, la esprime ad alta voce
per arricchire anche la preghiera dei suoi familiari

 

Terza parte: la risurrezione, celebrazione dei sacramenti

Noi possiamo incontrare Gesù, risorto e vivo, quando celebriamo i sacramenti;
possiamo vivere la stessa risurrezione in ogni momento,
attraverso i nostri gesti di carità

Questa sera non possiamo questa sera celebrare l’Eucarestia,
ma possiamo ricordare, “fare memoria”, del nostro Battesimo

Se abbiamo il cero del nostro Battesimo, lo portiamo sulla tavola:
il papà e la mamma spiegano cos’è,
ricordando soprattutto che, nel giorno del Battesimo,
quando anche noi siamo passati dalla Pasqua di Gesù,
quel piccolo cero è stato acceso al cero pasquale;

a questo punto, se le abbiamo, portiamo le foto del nostro Battesimo,
le guardiamo e poi invochiamo i santi
(se non le abbiamo, passiamo direttamente all’invocazione dei santi)
perché da giorno del Battesimo noi siamo entrati a far parte di una grande famiglia,
in cui i santi in cielo ci aiutano a essere santi sulla terra

Guida     Battesimo vuol dire immersione,
              perché dal giorno del nostro Battesimo noi siamo immersi nella vita
              di Gesù, in cammino con lui e con tutti sulla via della santità.

              Invochiamo i santi, nostri amici,
              che ci ricordano che è possibile e bello vivere come Gesù ci chiede.

              Santa Maria, Madre della Chiesa che ci dona Gesù.

              Santi apostoli e martiri che avete donato la vita per Gesù.

              Santi evangelisti che ci avete donato la Parola del Vangelo.

Tutti       Pregate per noi.

Guida     Santi Monica e Agostino, con tutti i santi che proteggono le nostre comunità.

qui ognuno invoca il santo o la santa di cui porta il nome;
alla fine, tutti si ripete:

Tutti        Pregate per noi.

ora si porta l’acqua in una ciotola

Guida      Benediciamo l’acqua, memoria del nostro Battesimo.
               Benedetto sei tu, Dio, Padre onnipotente:
               hai creato l’acqua che purifica e dà vita.

Tutti        Gloria a te, o Signore!

Guida      Benedetto sei tu, Dio, unico Figlio, Gesù Cristo:
               hai versato dal tuo fianco acqua e sangue,
               perché dalla tua morte e risurrezione nascesse la Chiesa.

Tutti        Gloria a te, o Signore!

Guida      Benedetto sei tu, Dio, Spirito Santo:
               hai consacrato il Cristo nel battesimo del Giordano,
               perché noi tutti fossimo in te battezzati.

Tutti        Gloria a te, o Signore!

i genitori tracciano un segno di croce sull’acqua con le seguenti parole:

Genitori   Per il mistero di quest’acqua santificata dal tuo Spirito,
                rinnova in ciascuno di noi, o Dio, la forza del battesimo.

Tutti intingono le dita della mano in quest’acqua (a casa si può!)
e insieme ci si fa il segno della croce

Tutti         Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

Genitori    Nel Battesimo, a noi genitori, è stata consegnata la gioia
                 di insegnare a pregare.

                 Diciamo insieme la preghiera che Gesù stesso ci ha insegnato.

Tutti          Padre nostro, che sei nei cieli, …

Guida        E ora siamo nella festa.

 

 

 

 

 

 

Permanent link to this article: http://www.quintoevalle.it/speciali/pasqua-2020/pasqua-2020-veglia-pasquale/