Preparando la via Crucis

Preghiere dei ragazzi

La quaresima in preghiera

 

Signore rendimi capace della pietà dei discepoli, sia di viverla e di apprezzarla come la provavano le donne che consolavano Maria, la proteggevano vivendo quell’affetto e quella tenerezza che è pietà. Grazie!

 

Sono il dono del timore di Dio ed esisto per ricordarti che ogni istante della tua vita è sotto lo sguardo di Dio. Gesù da te nasce lo stupore, sei fonte di ispirazione. Da te ho capito che si può sempre avere una seconda possibilità. Sei rispetto e sei il numero 1.

 

Signore Gesù rendimi capace della delicatezza di Giuseppe e dei suoi amici ed incontrare il tuo corpo nell’Eucarestia e nella presenza di ogni fratello.

 

Caro Gesù grazie per il dono della vita, per avermi protetto e, oggi, di avermi perdonato tutti i miei peccati. Caro Gesù, fai in modo che la violenza sulle donne e perdona coloro che l’hanno già compiuta…..

Caro Gesù ti ringrazio per averci perdonato, noi che siamo costruiti come edificio spirituale, siamo un dono prezioso.

 

Grazie, Gesù, per tutte le cose che ci dai e che ci fai. IO VOGLIO ASCOLTARE LA TUA PAROLA. non è giusto che ti hanno ucciso, però so che tu ci vorrai sempre bene e che ci aiuterai. Insegnaci a pregare e ad usarla nel modo giusto.

 

Signore rendimi capace di percepire anch’io le sensazioni che hanno provato i discepoli potendo tenere in mano il tuo corpo. Fammi imparare ad amare come ami tu.

 

Caro Gesù, tu sei morto per noi e questo ci rende degli edifici spirituali ovvero non siamo fatti solo per svolgere delle azioni di vita quotidiana come mangiare, bere, dormire….ecc. ma anche per amare e fare del bene. Se anche facciamo degli errori, tu, sei sempre pronto a perdonarci. “infonde nell’anima cristiana un senso di profondo rispetto”

 

Ti prego Gesù perché ti sei sacrificato per noi, facendoci imparare l’amore per il prossimo e molte altre cose, ad esempio il perdono…grazie per aver salvato milioni di vite.

 

Signore rendimi capace della pietà delle donne del vangelo. dei loro gesti di affetto, dei loro pensieri, delle loro preghiere, del loro dolore, della speranza nella resurrezione che l’amore sta suscitando in esse.

 

Signore donami la delicatezza perché tratto non benissimo mia sorella e vorrei migliorare.

 

Signore aiutami a sperare e togli la falsità e la corruzione dal mondo amen.

 

Signore dammi la delicatezza.

 

Signore donami la delicatezza nel toccare il tuo corpo che incontro nell’Eucarestia e nella presenza di ogni fratello. Donami la delicatezza con i miei compagni e mio fratello.

 

Grazie per avermi perdonato.

 

Gesù aiutami a vederti attraverso gli amici e tutti gli altri e a rispettarti con tutto il cuore. Mi piacerebbe anche avere la stessa delicatezza dei tuoi discepoli.

 

Gesù volevo essere io a toccarti con quella delicatezza, li invidio i tuoi discepoli ,però Gesù, sei sempre nel mio cuore. Grazie di avermi perdonato

 

Grazie Gesù per quello che fai, sei morto per i nostri peccati ti dico davvero grazie per tutti i sacrifici che hai fatto. Adesso la vita è cambiata grazie a te, la tua parola è importante.

 

Caro Gesù voglio chiederti un piccolo favore, mi devi aiutare a conoscerti meglio, devi insistere a invitarmi a messa per stare con te, e per assaggiare il tuo corpo. Mi stai molto simpatico (anche se non ti ho mai visto) ma qui, a catechismo, me ne parlano tutti molto bene. Grazie.

 

Gesù ho visto quanto affetto hai dato alle donne. Ma quell’affetto che dai a loro ti chiedo di darne pure un po’ a me e ai miei cari e alle persone che non conosco. Ti chiedo non solo affetto ma anche amore perché ne ho bisogno. Io so già che i miei genitori me ne danno ma ne voglio un po’ anche da te! Grazie!

 

Signore rendimi capace della loro pietà: dei loro gesti di affetto, dei loro pensieri, delle loro preghiere, del loro dolore, della speranza nella resurrezione che l’amore già sta suscitando in esse. Vorrei anche io imparare a farlo.

 

Signore donami la forza di parlare di più con le persone e la delicatezza.

 

Signore c’è in ognuno di noi la delicatezza di Giuseppe d’Arimatea nel toccare il tuo corpo. Signore rendimi capace della loro pietà: dei gesti, delle loro preghiere, il dolore, nella speranza della resurrezione, dei loro pensieri e nell’amore che stai già suscitando in esse.

 

Gesù io vengo ogni volta a catechismo ma no alla domenica. Me ne dispiace e ti giuro che verrò.

 

Signore donaci la possibilità di toccare il tuo corpo nell’Eucarestia.

 

Gesù grazie del tuo perdono.

 

Gesù grazie a te ho scoperto tante cose, tipo la preghiera, e son felice per tutto quello che hai fatto. Però a me dispiace che sei morto, me è per una buona ragione: per aprire le porte del paradiso. Ti questo ti sono grato. Grazie anche per il dono del timore di Dio che esiste per ricordarmi che ogni istante della mia vita è posto sotto lo sguardo di Dio, che mi conosce e che vuole per me il bene vero.

 

Col dono del timore di Dio infondi, Signore, nell’anima cristiana, un senso di profondo rispetto. Rendimi capace, Signore, della pietà, dell’affetto….delle donne.

 

Signore dona l’amore alle persone che ne hanno bisogno.

 

Signore, rendimi migliore.

 

Signore rendimi capace di aiutare le persone in difficoltà con delicatezza. Di ascoltare i consigli degli adulti. Grazie per il dono del Timor di Dio che mi ricorda che ogni istante della mia vita è posto sotto lo sguardo di Dio.

 

Signore, donami la delicatezza con la quale posarono il tuo corpo sulla pietra angolare. Donami lo stesso rispetto di Giuseppe d’Arimatea.

 

Grazie Gesù per averci donato l’amore che ci serviva per amare il prossimo, e non solo i tuoi amici ma anche gli altri per fare amicizia con tutti.

 

Aiutami Gesù a mantenere l’abitudine di andare in chiesa a pregare per te. Di vivere la carità con i poveri che hanno bisogno e sono senza casa.

 

Caro Gesù aiutami a riflettere, a studiare, ad andare bene a scuola. Grazie.

 

Caro Gesù i tuoi amici sono veramente molto gentili con te e anch’io vorrei essere più gentile con tutti i miei amici. Ognuno di noi dovrebbe sempre ringraziare ed essere educato con tutti.

 

Ringrazio Gesù per dato dei genitori che mi vogliono bene e prego per quei bambini che non hanno la possibilità di avere l’affetto dei genitori. Prego per le persone che vengono maltrattate dalle persone cattive. Spero proprio che non esista più il bullismo.

 

Signore Gesù perdonami quando non ascolto la tua Parola e penso solo a me.

 

Signore rendimi capace della loro pietà perché il mio cuore si apra alla tenerezza verso di te.

 

Oggi mi hai fatto imparare che la delicatezza è una cosa preziosa e io voglio ringraziare don Lino per avermi confessato. Ti ringrazio per la bella famiglia che mi hai donato e ti chiedo di proteggermi sempre. Amen.

 

Signore ti chiedo di donarmi la delicatezza di Giuseppe d’Arimatea in modo di usarla verso di te e verso i miei amici, perché da solo non la so usare.

Ti ringrazio anche per le opportunità che mi dai di confessarmi perché alla fine ti senti libero e imparo che posso sempre contare su di te.

 

Gesù dammi la forza di sentire amore verso le persone che non mi sono molto simpatiche.

 

Signore ti chiedo di aiutarmi con la socialità della mia famiglia e di farmi riuscire ad andare a messa.

 

Signore donami la delicatezza, l’amore e la gioia di stare con te.

Con il dono del timor di Dio, lo Spirito Santo, infonde nella mia anima un senso di profondo rispetto e amore; come un figlio ama il padre.

 

Signore rendimi capace della loro pietà, dei loro pensieri.

Permalink link a questo articolo: http://www.quintoevalle.it/catechesi-ragazzi/preghiere/preparando-la-via-crucis/